L’unità della sinistra riparte dalla Scuola

Parliamo di scuola, progettiamola, suggeriamo a chi ci rappresenta come dovrebbe essere la Scuola della Costituzione, quella che serve davvero al nostro Paese.

Abbiamo organizzato

una tavola rotonda a Pavia,

sabato 11 Novembre 2017, ore 15:00,

presso la Camera del lavoro, in via Damiano Chiesa 2,

proprio per parlare di questo.

Perchè?

La scuola è sicuramente uno dei temi sui quali, in questi ultimi 20 anni, si è vissuto un pesante arretramento. Senza nessuna nostalgia della scuola gentiliana e classista, occorre dire che nel nostro Paese eravamo riusciti ad avere una scuola che formava cittadini critici e consapevoli, e professionalmente competenti e apprezzati in tutto il mondo, con insegnanti motivati e socialmente stimati.

Oggi abbiamo una scuola in cui ritorna l’analfabetismo funzionale, si ignorano i principi di base della nostra Costituzione, e persino la preparazione nelle materie tecnico scientifiche non è più l’eccellenza di una volta, come dimostrano molte comparazioni internazionali.

L’ultima tappa di questo percorso è facilmente rinvenibile nella cosiddetta “buona scuola”, tuttavia, anche se in modo più contraddittorio e più difficilmente visibile, questa tendenza già cominciò a manifestarsi in occasione delle riforme di Luigi Berlinguer nel 1996. Non è infatti un caso che lo stesso Berlinguer affermò, al meeting di Rimini del 2015, che “Renzi stava attuando le sue riforme”.

Sicuramente in quelle riforme del 1996 v’erano anche interessanti ed opportuni elementi di novità, tuttavia la storia si è evoluta in una direzione che ormai conosciamo tutti: le riforme Moratti che hanno modificato il rapporto tra scuole e famiglie, i tagli della Gelmini che hanno impedito la realizzazione degli aspetti virtuosi dell’autonomia, la continuità che le ha dato Profumo, fino al disastro della legge 107/15 firmato dalla dimenticabile ministra Giannini”.

In questa storia, purtroppo, ci sono anche tanti gravi errori compiuti da una parte della Sinistra. Adesso occorre rimediare.

La nostra iniziativa si propone di ripartire da una domanda, che rivolgeremo a cinque relatori decisamente qualificati: cosa può offrire una Sinistra finalmente unita e propositiva per la scuola di domani. Non un programma di dettaglio, ovviamente, ma una discussione su principi fondanti di un programma per la scuola, con il quale non solo presentarci alle elezioni ma anche, soprattutto, tornare a parlare al mondo della Scuola.

Relatori:

– Marina Boscaino rappresentante del Comitato Legge di Iniziativa Popolare “Per la Scuola della Costituzione”

– Giovanna Capelli, Direzione Nazionale PRC – Commissione Nazionale Scuola, Università, Ricerca
– Eleonora Cimbro,
deputata di MDP, Insegnante
– Eulalia Grillo Possibile
– Gruppo Scuola, Insegnante
– Alessia Petraglia,
senatrice di Sinistra Italiana – Membro della Commissione Cultura del Senato

Sono inoltre previsti interventi delle organizzazioni sindacali

L’iniziativa è rivolta a Genitori, Docenti, ATA, Dirigenti, Studenti: siete tutti invitati a partecipare

 

Se ti è piaciuto, condividilo:

Lascia un commento

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial